QuiOlgiate Comasco

Incidente mortale di Olgiate Comasco, trovato il pirata della strada

Identificato grazie alle indagini della polizia locale: auto ripresa dalle videocamere

L'auto pirata ripresa dalle videocamere

E' stato identificato e fermato il presunto pirata della strada dell'incidente mortale di Olgiate Comasco di martedì 28 maggio 2019, costato la vita a un motociclista di 54 anni, Stefano Lojacono di Tradate.
Si tratta di un tunisino di 45 anni, da un mese in vacanza dal fratello nella zona di Cremona.
L'automobilista dopo l'incidente ha fatto perdere le proprie tracce.
L'uomo è stato identificato grazie a un certosino lavoro di indagine della polizia locale di Olgiate che subito dopo il terribile schianto si era messo a caccia dell'auto pirata. Fondamentale la testimonianza di un camionista che ha assisitito alla scena, così come le immagini delle telecamere del paese e dei comuni limitrofi. Importante la collaborazione dei comandi delle polizie locali dei paesi vicini. 
Così sono risaliti alla vettura (una Chevrolet Aveo bianca) e al proprietario. Contattato dai carabinieri di Cremona, avrebbe confermato l'incidente e si è poi presentato spontaneamente in serata al comando. Dovrà rispondere di omicidio stradale e omissione di soccorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Regole più severe per tutta la Lombardia: c'è anche il divieto di sport all'aperto

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Como, supermercati e farmacie: ora possibile misurare la febbre a chi entra

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

Torna su
QuiComo è in caricamento